Il progetto Tagubar in Brasile, un'importante esperienza della cooperazione italiana

Iniziativa dell'Accademia San Marco di Pordenone
Con Franco Romano e Guido Perin

Il progetto TAGUBAR, in Brasile, è l'ultimo grande intervento di ricerca nel campo ambientale finanziato dal Ministero degli Esteri italiano (RGCS) ed è stato sviluppato e coordinato da un team presso l'Università Ca’ Foscari di Venezia.
Il soggetto dell'intervento è la meravigliosa baia di Guanabara che si estende sotto il Pao da Açucar proprio accanto alla spiaggia di Copacabana, ben nota in tutto il mondo per la sua bellezza esotica, il suo fascino e il suo colore tropicale.
Il rovescio della medaglia, nel caso della baia di Guanabara, è che essa riceve tutti i rifiuti liquidi di una popolazione di più di 8 milioni di abitanti e, come tale, è divenuta una fognatura naturale in cui l'ossigeno è progressivamente scemato fino, nei sedimenti profondi, a scomparire del tutto. Nella parte più interna della Baia, una volta, venivano a riprodursi i delfini.
Per questo, il governo brasiliano aveva chiesto la collaborazione al Governo Italiano per sviluppare un progetto sperimentale di recupero della baia che è stato realizzato da un pool di università con il nome di TAGUBAR, acronimo di Tangential Aeration of Guanabara Bay and Recovery.
Di tale complessa operazione, e dei suoi importanti risvolti tecnicoscientifici, si dà ampiamente conto nella presente conferenza, supportata da numerose  immagini.

Franco Romano Ingegnere civile professionista, è uno specialista, con vasta esperienza nazionale ed internazionale, in progettazione e gestione di interventi nell'ambito di opere strutturali e di recupero ambientale ed in particolare ha realizzato e sviluppato tutta la tecnologia, nonché la sua applicazione in campo, del MODUS (Modulo Operativo di Depurazione Unitario dei Sedimenti) che ha rappresentato una novità assoluta in campo di recupero di
ambienti contaminati. Soggetto a patente internazionale, è stato lo strumento per l'intervento nel progetto TAGUBAR in Rio de Janeiro.
È stato anche coordinatore tecnico in un analogo progetto del Ministero degli Esteri, Direzione Generale alla Cooperazione allo Sviluppo, nello stato di Espirito Santo nella baia di Vitoria. Ha diretto tecnicamente le operazioni del MODUS nel progetto di Rio de Janeiro.

Guido Perin Già docente di Ecotossicologia e di Ambiente e Salute a Ca’ Foscari, ne dirige oggi gli Archivi della Sostenibilità.
È stato il responsabile scientifico del progetto TAGUBAR e dello sviluppo, assieme all'ing. Romano, della nuova tecnologia di ossigenazione del fondo della baia di Guanabara, oggetto del progetto di ricerca del Ministero degli Esteri.

 

Venerdì 4 maggio 2018, ore 17.30
Sala piccola, Ex Convento di San Francesco
Pordenone